Amici,

non potevo far passare sotto silenzio le inquietanti vicende romane che hanno evidenziato collusioni “bipartisan” tra mafia e politica e condividere con voi, come sempre faccio, qualche riflessione sincera.
Premesso che con tante persone oggi coinvolte in questa vicenda giudiziaria, operatori del sociale come dirigenti comunali, in passato ho avuto contatti da Presidente di Municipio per le questioni dell’amministrazione e sono sconvolta nel vedere i loro nomi legati a cose tanto infamanti.
Premesso che va riconosciuto il “politically correct” di Eugenio Patanè Mirko Coratti e Daniele Ozimo nel rassegnare prontamente le dimissioni dai loro incarichi, il partito democratico non può però restare inerte di fronte a questo “bruttissimo pasticciaccio”, dove davvero manca solo il coinvolgimento di Jack lo squartatore e Hannibal cannibal e il noir è compiuto!
Ergo, è necessario avviare da subito un processo di risanamento morale e politico-amministrativo attraverso il quale selezionare una classe dirigente adeguata al proprio ruolo di servizio. Per rifondare la politica romana “a fundamentis” e ridare fiducia ai nostri elettori e ai tanti italiani che guardano al Pd come una speranza per il Paese, che non possiamo proprio permetterci di tradire.
Concetti che ho evidenziato nella mail che ho inviato al Presidente dell’assemblea del Pd Matteo Orfini (da oggi anche commissario del Pd romano), chiedendo la convocazione di una direzione nazionale proprio sulla questione romana (in allegato).
Ce lo impone l’amore per la nostra città . Ce lo detta la nostra coscienza politica (almeno a noi che ne abbiamo una) .

Sorrisi (stavolta amari), sempre

2014-12-04T09:43:59+00:00Senza categoria|