Le “riunioni carbonare” del PD Roma

“Continuano le riunioni carbonare del PD Roma che, in pieno periodo vacanziero e senza estendere a nessuno l’invito, ha costituito un “comitato di saggi” per affiancare il bravo commissario Eugenio Patanè nella gestione del partito e nella fase di preparazione al congresso – dichiara Patrizia Prestipino, dirigente del Partito Democratico – A noi “figli di un PD minore” che partecipiamo alle primarie, convinciamo persone a tesserarsi e portiamo voti al partito e ai candidati Sindaco e\o Presidenti, è lecito sapere con quali criteri di territorialità, merito e collegialità sono stati scelti codesti saggi, oltre quello trito e ritrito di appartenenza alle correnti? Vorremo, infatti, conoscere i nomi dei partecipanti a questo comitato e se sono stati scelti in ragione di un merito particolare o se, più semplicemente, sono stati “segnalati” dal proprio capobastone, per seguire alla lettera un copione già scritto. Visto il momento difficile che attraversa il Partito Democratico a livello nazionale, sembra assurdo che a definire le regole per il Congresso siano sempre singoli pezzi di PD e non una intera comunità, costituita dalla nostra base e dai militanti già molto stressati. Per questo chiediamo al Segretario Gasbarra, che rappresenta l’unico organo romano democraticamente eletto ancora in carica, di garantire la correttezza di questi delicati passaggi politici. La “carbonara” con la sua pesantezza può passare in inverno ma, con questo caldo, può risultare indigesta a molti” conclude Prestipino.