La mia newsletter del 29 giugno – Così va il mondo, ma guai ad abbattersi o mollare

Cari amici,

Rieccoci.

Molti di voi avranno saputo che la Giunta Marino è stata fatta e che noi (non è pluralis maiestatis da delirio di onnipotenza, ma semplicemente senso di squadra ed appartenenza) non ci siamo. Altre logiche ed altri criteri sono stati seguiti dai partiti, anzi dal mio partito, nelle trattative con il Sindaco, nel merito delle quali non posso e non voglio entrare. Auguriamoci solo che Roma abbia il colpo d’ala che merita dopo un periodo buio.

Lo so: è una delusione che brucia, soprattutto sulla pelle del cuore. Per la mia città ho rinunciato a dicembre al Parlamento e sono andata avanti sulla strada delle primarie con la mia meravigliosa squadra, senza fermarmi un attimo, parlando con i cittadini della nostra idea di Roma e di Partito Democratico.

Ma così va il mondo. Almeno questo di mondo.

Però guai ad abbattersi e pensare di mollare. Gli spazi vuoti in politica rischiano di essere occupati dai mediocri. E noi, che mediocri non siamo e né abbiamo idee mediocri, non possiamo permetterci il lusso di mollare.

Io ho qualche ferita da far cicatrizzare e le lacrime dei miei ragazzi ventenni da asciugare (chi spiegherà loro quale è il vero concetto di merito nell’agone politico?) ma sono già in piedi, con l’elmetto e lo scudo per le prossime sfide congressuali. E voi mica penserete di sottrarvi, vero? Perché io tanto più avrò bisogno di energie in questo momento di riscatto, morale e politico.

Ecco perché nasce, come racconto in una delle interviste che troverete linkate di seguito, la mia idea di PDPO, il Partito Democratico delle Pari Opportunità. Con le donne ha poco a che fare ma richiama piuttosto a un concetto di equità di base secondo il quale chiunque, se animato dalla forza del merito e delle buone idee, può pensare di coesistere, senza per forza subordinarsi a un capobastone  (spesso, e ovviamente, maschio).

Mi piacerebbe che leggeste le tante mail e messaggi di sostegno che mi sono arrivati da tanti mondi: sociale, sport e volontariato. E quelli, bellissimi, dei singoli cittadini e supporters. Un giorno mi piacerebbe raccogliere in un Instant Book questa mia complessa esperienza, che oggi compie un anno di vita (risale, infatti, allo scorso giugno la mia candidatura alle primarie per Sindaco che, tra l’altro, ancora non c’erano).

E chissà che non ne nasca il secondo Quore nel Palazzo, magari un po’ più pelosetto stavolta :-).

Però la lettera indirizzata al Sindaco Marino che più mi è rimasta scolpita nel cuore voglio condividerla con voi: quella di Tiziana, la mia meravigliosa e forte amica di Onna. Nelle sue parole c’è esattamente la dimensione di come le cose possano essere viste da un’ottica tutta diversa: quella di chi tantissimo ha perso ma ha chiaro da dove si possa ricominciare a costruire…

Lettera di Tiziana di Onna

Spett.li Sig. Sindaco di Roma Prof. Ignazio Marino

Sig. Segretario Partito Democratico
Perchè continua l’ostruzionismo nei confronti di Patrizia Prestipino? Per tanti di noi, e soprattutto per me, la cosa risulta incomprensibile  o almeno, cosa dovrei pensare? il PD teme Patrizia Prestipino? o vuole punirla per essersi sottoposta alla sfida delle primarie senza l’imprimatur del gotha? Il PD è ancora un partito democratico? o l’apparato ha fagocitato gli ideali e respinge gli idealisti? Perchè Patrizia Prestipino è un’idealista, pratica ma idealista, idealista e caparbia: e questo lo ha già dimostrato in campagna per le primarie. Grosso pregio Signori, non difetto.
L’ho conosciuta  immediatamente dopo il sisma del 6 aprile 2009, accorsa con altri rappresentanti della Prov. di Roma a constatare l’accaduto ed offrire il sostegno dell’Amministrazione e proprio. Ha promesso di rimanerci accanto e così è stato, sempre presente per cercare di alleviare qualche problema; per il dolore è un’altra storia. Ha pensato addirittura ai cani e ai gatti, che in quei giorni erano rimasti senza ricovero e senza padroni, procurando cibo e organizzando un servizio veterinario di emergenza. Quel che ha promesso di fare ha fatto e non c’è stata una volta, una, che abbia tradito la mia fiducia. Patrizia quando assume un impegno lo porta fino in fondo, rispettando i ruoli pur nelle divergenze di opinione. L’onestà, la correttezza, la capacità e la determinatezza la contraddistinguono,  ampiamente dimostrato quale  amministratore provinciale e con il supporto mai mancato a Zingaretti. Ha partecipato con passione, anche lì contrastata, alle primarie del PD e, successivamente al risultato, ha sostenuto e chiestoci di sostenere la candidatura di Marino e il tutto sempre con argomentazioni mai per fedeltà ad una amicizia. Mai una parola fuori posto, mai una defezione verso il partito, se non il giusto confronto di idee che deve portare ad una crescita e non ad un appiattimento brutale; ed ora questo partito vuole buttare alle ortiche il nome di una donna che ha sacrificato tanto per lo stesso, di una donna veramente capace e vicina alla gente più di tutte le chiacchiere vuote che questo partito ha sciupato, negli ultimi anni, sulle esigenze delle persone. Patrizia Prestipino ha sempre agito e mai detto una parola di troppo da quando la conosco, e così come ha agito nei giorni del sisma stando vicina a noi terremotati, in particolare di Onna, così sono certa che confermerebbe l’azione a favore della città che ama.
Sig. Sindaco ho sempre ammirato il suo fare e il suo impegno politico, non mi deluda adesso.
Una volta tanto, nominate chi vuole veramente fare e non chi può essere funzionale alle esigenze di partito, portate il CUORE nella amministrazione e il CUORE di chi ha TESTA.
Che l’apparato agisca PER la gente, e ne beneficierà il partito! Non agisca PER il partito, dimenticandosi della gente.
da Onna

 

Le interviste di cui vi ho parlato

Intelligo News

http://www.intelligonews.it/prestipino-serve-un-pd-delle-pari-opportunita/

Il Messaggero

http://www.ilmessaggero.it/ROMA/CAMPIDOGLIO/campidoglio_prestipino_delusa_merito_non_paga/notizie/296952.shtml

Omniroma-RUGBY, PRESTIPINO: DOPO BOCCIATURA TAR ARRIVA QUELLA DEI CITTADINI (OMNIROMA)

Roma, 23 GEN – “Non mi meraviglia che il TAR abbia annullato il bando di concorso per l’ assegnazione del campo di Rugby delle Tre Fontane, con cui era stata eliminata l’ associazione di cui fa parte la Nuova Rugby Roma. Da presidente del Municipio XII e da assessore provinciale allo sport ho seguito da vicino l’ intera vicenda, rimanendo sempre in contatto con i genitori dei ragazzi della società esclusa. Al Sindaco Alemanno voglio solo ricordare che quando si opera una forzatura del genere, escludendo una comunità sportiva così vitale e radicata nel territorio, in favore di altre logiche bisogna aspettarsi non solo la bocciatura del Tribunale Amministrativo ma anche quella, ben più grave, dei cittadini”. Lo dichiara, in una nota, Patrizia Prestipino, candidata alle primarie del centrosinistra per il sindaco di Roma.

Il mio week end fra #Leopolda2012 e Roma pedala!

Cari amici,

è stato un weekend impegnativo, ma molto incoraggiante per me. Sabato sono stata alla Leopolda di Firenze e ho portato il mio contributo intervenendo come speaker. Ho fatto il pieno di energia positiva, perché tanta ne ho assorbita dalla tantissima gente entusiasta e propositiva che ho incontrato e ascoltato.

Domenica è stata la volta di Roma Pedala. Una mattinata dedicata alla ciclabilità: un evento che ho fortemente voluto su tema a cui sono molto sensibile.

Un “grazie” particolare al bellissimo quartiere Don Bosco che è sceso a parlare di ciclabilità e a giocare con noi. Ai tanti bimbi che hanno colorato la piazza. E a Giove Pluvio che ha risparmiato le sue lacrime per eventi meno gioiosi di questo… GOD SAVE PRIMARY!

Sorrisi, sempre…

Pat

PS: A seguire un delizioso reportage della nostra mattinata ROMA PEDALA all’insegna della bicicletta e dei giochi di stradaROMA PEDALA