10 idee per riformare il personale di Roma capitale

venerdì, febbraio 1st, 2013 @ 1:39PM

Le politiche della Giunta Alemanno, con le sue consulenze d’oro e le assunzioni “pilotate” verso parenti ed amici senza curare le professionalità sono state una “mannaia” psicologica anche per i lavoratori di Roma Capitale, i quali, da anni vedono il loro potere d’acquisto diminuire sempre più.

Non solo, la gestione disinvolta delle assunzioni dentro l’Amministrazione e nelle società/aziende partecipate ha provocato rabbia, delusione e tristezza.

Il personale, più volte illuso durante le varie campagne elettorali e poi bastonato, meriterebbe una maggiore attenzione ed ascolto.Questi sono i punti cruciali sui quali la nuova Giunta potrebbe soffermare la propria attenzione:

  1. Valutare una distribuzione più equa del personale tra Uffici Centrali, Dipartimentali e Municipali, facendo attenzione agli elementi della quantità e della qualità, troppo spesso dimenticati, nella speranza che non si vedano più assegnazioni dettate da indicazioni politiche e verso Uffici e Municipi “amici” ma si agisca con valutazioni oggettive delle esigenze reali. Stesso tipo di valutazione dovrebbe essere fatta sulla distribuzione del “salario accessorio”.
  2. Puntare su processi di formazione, anche innovativi, per rendere sempre aggiornati e specializzati i lavoratori di Roma Capitale e dunque dare un valore aggiunto all’intera Amministrazione capitolina.
  3. Ridurre personale esterno e valorizzare quello interno. Gli strumenti dei contratti a tempo determinato o di alta professionalità devono essere adoperati per i loro fini reali e non per costruire una squadra “amica” e/o risarcire la fedeltà e le sconfitte elettorali. Gli esterni servono, ma per rappresentare il “quid” su cui l’Amministrazione può contare per migliorare se stessa e i servizi ai cittadini. Gli interni – dai dirigenti agli impiegati – dovrebbero avere e meriterebbero maggior “rispetto”, con un occhio particolare all’esperienza, alla professionalità e con una delicata attenzione nei ruoli e nelle carriere, naturalmente guardando il merito.
  4. Valutare la previsione di polizze assicurative anche a favore di Funzionari con responsabilità di uffici e servizi, amministrative e contabili (con particolare riguardo alle P.O. ma non solo), alla stregua dei dirigenti e con le dovute proporzioni, nonché cominciare a lavorare politicamente per la figura della Vice Dirigenza.
  5. Portare al termine i concorsi pubblici per dare “linfa” vitale agli uffici capitolini, sempre più sguarniti, specie negli uffici decentrati.
  6. Dare maggiore spazio alla figura del tirocinio dentro l’Amministrazione, come viatico per l’introduzione nel mondo del lavoro (ovunque sia) e prevedere forme nuove di lavoro, sempre nel rispetto della dignità e della professionalità del lavoratore.
  7. Istituzionalizzare scambi di esperienze professionali all’interno di Roma capitale e con altre capoluoghi italiani (es. Milano, Bologna, Napoli, Palermo, ecc.), nonché aprire un tavolo di lavoro per collaborazioni e reciproche esperienze tra Dirigenti e Funzionari pubblici di città metropolitane europee.
  8. Utilizzare meglio le forme premianti per il personale capitolino, di ogni ordine e grado. Nel contempo osservare il salario (anche accessorio) dei lavoratori delle aziende e società partecipate facendo un’analisi attenta dei singoli casi e avendo come orizzonte e riferimento sempre la media delle attribuzioni economiche dei lavoratori di Roma Capitale. Guardando comunque sempre le professionalità e il merito.
  9. Dare la massima attenzione alla categoria dei vigili urbani per il loro e delicato lavoro quotidiano.
  10. Sbloccare la situazione delle graduatorie del personale scolastico, ormai da tempo in sofferenza con disagi per l’utenza, e valorizzare il delicato e prezioso lavoro delle insegnanti (sarebbe anche opportuno una rivisitazione del regolamento delle scuole dell’infanzia e degli asili nido in termini di efficientamento del servizio, tutela dei bambini, miglioramento del servizio).

Posted by
Categories: Idee in progress

Comments are closed.